Style & Trends

“Occhio” ai capelli (ma solo se di…tigre)

Una pietra preziosa, per un colore unico!

Alzi la mano chi non ha mai visto il Tiger Eye, l’occhio di tigre. Fermate l’immaginazione non stiamo parlando dell’ultimo action-movie o di un cartoon giapponese. E tanto meno de celeberrimo brano dei Survivor, icona musicale degli anni ’80. In realtà è una pietra preziosa che, si dice, porti fortuna e sia capace di infondere coraggio a chi la indossa. Senza dimenticare che le attribuiscono anche virtù terapeutiche come portatrice di armonia ed equilibrio. 

Ma non è di lei però che vogliamo parlarvi. Il Tiger Eye è l’ultimo trend in tema di colorazione, assolutamente cool e davvero perfetto per “riscaldare” i mesi più freddi. Star e celebrities l’hanno già adottato e, complice anche Instagram dove l’hashtag #TigerEyeHair sta spopolando, subito ha conquistato i favori di tutte le “brunettes”. Eh sì, delle castane e delle brune perché questo nuova nuance è dedicata a loro.

Si realizza con la tecnica del balayage, per un effetto naturale, ed è una tonalità intensa e vibrante illuminata da una miriade di sfumature dorate su una base calda, dal cioccolato al castano. Proprio come la pietra cui ruba il nome. Lasciando libero spazio alla creatività si creano delle vibrazioni cromatiche che spaziano dal teak al biondo miele passando per il caramello, il nocciola e l’ambra. Da provare subito perché anche per i capelli ci vuole…occhio.

December 12, 2016
11
December 12, 2016

CAMBIA L'IMPOSTAZIONE DEI COOKIES

I “cookies” sono file digitali che ci permettono di offrirti un sito sempre più su misura per te, perchè ci aiutano a capire che cosa hai cliccato. I “cookies” sono sempre stati presenti sui siti web, ma vogliamo assicurarci che tu comprenda a cosa servono.

I Cookies ti permettono di:

Come funzionano i cookies:

  • Quando sul nostro sito clicchi su un link riferito al tema Bellezza…
  • Noi sapremo che ti interessa quell’argomento…
  • E potremo offrirti contenuti e promozioni più rilevanti per te!

o Scopri di più sui cookies

< Indietro